giovedì 25 marzo 2010

Cronologia dei video dei Cobol Pongide - La trilogia di Aldo Lomax


1) LA MIA PRIMA VOLTA IN TECNICOLOR [l'antefatto/l'esperimento]

Qualche anno prima il prof. Aldo Lomax si era recato in villeggiatura su un pianeta alieno. Con suo grande stupore aveva scoperto delle forme primitive di vita. Si trattava di sfere pulsanti di colore verde.
Tornato sulla Terra Lomax decise di tentare un esperimento davvero innovativo: irradiare le sfere con la musica dei Cobol Pongide; Lomax constatò che le sfere pulsanti reagivano evolvendosi.
Il passo successivo fu quello di impadronirsi d'un radiotelescopio appartenente al progetto SETI cosi' da sparare la musica all'indirizzo del pianeta alieno.
Tutto sembro' finire li.
In realta' sul pianeta alieno le forme di vita presero ad evolversi. A capo di questa civiltà c'era Olda Limax aliena quantomeno non incline a simpatie terrestri.
Armata di un esercito di astronavi e di robot si mise in viaggio verso la Terra con l'immotivato scopo di distruggerla.
Erano gia' parecchi giorni che la Terra subiva l'offensiva aliena quando finalmente i Cobol Pongide decisero d'intervenire. Da prima Emiglino Cicala con astute tattiche di guerriglia e poi anche Cobol che grazie all'accurata conoscenza del TaeKwonDo riuscì a terminare alcuni robot nemici.
Ma l'incontro definitivo tra Olda e Cobol vide quest'ultimo in difficolta'. Il combattimento sarebbe durato probabilmente fino all'ultimo sangue se non fosse intervenuto Aldo Lomax con l'applombe di un tentativo di mediazione interplanetaria.
Alla vista di Lomax Olda Limax se ne innamoro' riconoscendogli anche un debito genetico. E i due vissero felici e contenti [non si sa bene se qualche tribunale terrestre abbia mai deciso d'incriminare la Limax per genocidio].
I robot alieni furono riconvertiti in docili cagnolini ammaestrati... ma quest'ultimi continuarono ad attendere il momento piu' opportuno per la vendetta...
Vedi video


2) MICROMACCHINE [l'agognata vendetta delle macchine aliene]

Per sbarcare il lunario, lo scienziato Aldo Lomax ha iniziato a lavorare come inventore di tastierine giocattolo. Durante una gita con la sua fidanzata Olda Limax, la fazione aliena robotica ostile e rancorosa rapisce quest'ultima... forse per vendetta o per riportarla sul pianeta natale.
Lomax decide allora d'intraprendere una pericolosissima missione di recupero.
Ma da che mondo e’ mondo, si sa, alla ricerca sono destinati pochi fondi e Lomax e’ costretto a costruirsi una astronave con le uniche tecnologie a sua disposizione: le tastierine giocattolo.
La missione nello spazio si dimostra piena di imprevisti ma Lomax, grazie all’aiuto del suo secondo, Emiglino Cicala, riesce ad essere all'altezza delle avverista’. Individuato il pianeta rifugio degli alieni e la costruzione in cui Olda e’ tenuta prigioniera, si trova faccia a faccia con uno di suoi nemici: il temutissimo robot Aristide Semolino.
Ma Lomax ha ancora una volta un asso nella manica: il TaeKwonDo…
Vedi video


3) COSMISMO [l'insostenibile verita' delle miniature]

Lomax ha creato una tecnologia [derivante da una piano Bontempi] che gli permette di trasferirsi in vacanza su altri pianeti, ma questo non lo soddisfa: e’ ossessionato, infatti, dalla costante presenza della forza di gravita’ sulla Terra. Ovunque guardi, le persone e gli animali sono costretti nei propri movimenti dalla dittatura della gravita’.
Stanco della sofferenza che vede attorno a se, Lomax decide di consultare il cervello elettronico piu’ potente al mondo, il Grillo Parlante, che gli consiglia di costruire un gigantesco motore antigravitazionale che rallenti la rotazione terrestre.
Lo scienziato si getta a capofitto nella disperata impresa, ma quando tutto sembra volgere al meglio, e la forza di gravita’ inizia a cedere finalmente il passo alla liberta’ dell’antigravitazione, ecco l’inquietante scoperta sul mondo in cui lui, la sua findanzata Olda Limax e tutte le spece del globo terracqueo vivono... questa volta neanche il taekwendo potra' nulla contro la spietata realta'.
Vedi video

Nessun commento:

Posta un commento