venerdì 20 gennaio 2012

Questa e' la Terra [almeno per sommi capi] - resoconto della presa d'incarico dei Cobol Pongide nella missione 2021 Landing on Mars.


Prima di partire per Zvëzdnyj Gorodok abbiamo voluto assistere alla Lectio Magistralis di Alberto Abruzzese per la ristampa del testo Forme Estetiche e Societa' di Massa sicuri di poterci portar dietro qualche intuizione su cui riflettere.
E' stata come la sensazione che provavo prima che chiudessero Megavideo di quando alla fine di una rara giornata produttiva mi guardavo un Ai confini della realta' prima serie e poi andavo a dormire felice e frastornato.
Siamo rimasti impressionati da un punto che fu, a dire dell'autore, l'urgenza che gli fece decidere di scrivere quel testo:
"La realta' e' scritta dai testi e mi sembro' fondamentale scrivere di quei testi per comprendere la realta'" [cito a memoria ma il senso piu' o meno era questo o almeno o cosi' m'e' piaciuto intendere].
Qualche tempo fa la realta' io la trovai in Noi Marziani di Dick; o almeno cosi' mi parve. E' un libro che ti fa venire l'acido in gola. E' la sensazione di perdizione che provi solo nell'avvistare a distanza ravvicinata i freddi pianeti transgioviani.
Forse e' stato un fortuito sguardo non autorizzato nel futuro che andiamo a sonorizzare. Ma oggi con un po' di mal di fuso addosso e con teatrale e amata tragicita' la vediamo cosi'.
Non lo leggete quindi.
Ho discusso molte volte con Edoardo sulla dannazione dell'opportunita' offerta dallo sguardo sull'alternativa o sul futuro. Si certo sono cose ben diverse. Si certo lo so.
Ma proprio mi pare con non si sia d'accordo sulle ucronie.
Come fara' ad esser cosi' ottimista.

Ed eccolo il resoconto della presa d'incarico nella missione 2021 Landing on Mars.
Ai Cobol Pongide il non facile compito di sonorizzare i primi insediamenti umani sul pianeta rosso: musiche opportune in opportune cupole geodetiche.
L'agenzia spaziale ha deciso che per tale incarico fosse necessario un mini training da cosmonauta per me e per Emiglino. A noi ovviamente non e' dispiaciuto.
Ne usciamo con un attestato e con tanta musica partorita, non si sa bene perche', a gravita' quasi zero in cui e' pur sempre difficile pigiare bene i tasti.

Nessun commento:

Posta un commento