lunedì 2 aprile 2012

Chi non conosce la SK-1 - di Cobol


Jean-Loup Chrétien e' un cosmonauta francese che puo' vantare alcuni primati. Nel 1982 infatti e' il primo europeo [Europa occidentale] ad imbarcarsi su un'astronave per un viaggio spaziale nella missione franco-russa PVH. Chrétien fu anche il primo europeo occidentale ad uscire dall'astronave per una passeggiata nello spazio.
Jean-Loup Chrétien e i suoi compagni di missione utilizzarono la famosa tuta Sokol piu' in generale utilizzata dagli equipaggi Soyuz durante le fasi di lancio e di rientro.
Ecco: la tuta e' importante.
Chrétien ha in realta' partecipato a varie missioni nello spazio.
Pero' nella missione Soyuz TM7 del 1988 Chrétien decide di portarsi a bordo una bella tastierina giocattolo [poco ingombrante].
E' appunto il 1988 e la Yamaha ha appena lanciato la PSS-140, una tastierina FM, davvero con poca personalita'.
Chrétien decide di andarsela a suonare in condizione di microgravita'. D'altro canto non e' un micromusicista e men che mai un toy musicista [cioe' non fa micromusic e neanche toy music], quindi bada poco alla sostanza.
Peccato pero'; non tanto per la bassa qualita' dello strumento quanto per non aver collegato due coincidenze in fatto d'acronima a dir poco strabilianti.
Yuri Gagarin lo conosciamo tutti. E' lui che per primo orbitando attorno alla Terra disse di non scorgere nessun dio. E' lui che per primo al di fuori della biosfera ringrazia pubblicamente i cosmisti.
Ora il caso vuole che la tuta spaziale di Gagarin si chiamasse SK-1 [che poi neanche a farlo apposta significa proprio Skafandr Kosmicheskiy numero 1].; eggia' proprio come la celeberrima tastierina /campionatore 8bit della Casio.
No, appunto; si poteva portare una Sk-1 Chrétien che era molto meglio.

La SK-1 e' una tastierina polifonica a quattro note del 1985, ancora molto in voga nel 1988. Certo ha radicalmente meno suoni della PSS-140 ma quelli che ha non sono proprio paragonabili.
Campiona a 8bit a 9.38 khz e oltre ad un pimitivo campionatore che perde il suono quando si spegne, possiede anche un'interessantissima sezione synth che al pari del campionatore perde il suono sintetizzato quando si spegne.
Il suono che io amo e' quello del piano.
La sezione ritmi e accompagnamenti la potete sentire qui sul sito ufficiale dei Cobol Pongide: sezione strumenti giocattolo.

Nessun commento:

Posta un commento